La rivoluzione di Google

La rivoluzione di Google

Android 12 rappresenta un cambiamento enorme per Google, una sorta di rivoluzione necessaria.

Google si è resa conto che quell’interfaccia , il Material Design un po’ anonima e universale, aveva bisogno di un un’anima.

Un po’ come per i Pixel 6, che con una forte rivolzione estetica, definiscono la volontà di Google di cambiare marcia dopo un 2020 fin troppo conservativo.

Un look tutto nuovo per Android 12 

Android 12 rappresenta un cambiamento enorme per Google, proprio nel concetto stesso alla base del sistema operativo stesso.

Con Android 12 vediamo il passaggio da quella che era una Android Experience a quella che diventerà sempre di più una Pixel Experience.

L’annuncio più atteso del Google I/O 2021 si è fatto attendere oltre un’ora e un quarto dall’inizio dell’evento: Android 12 porterà con sé un profondo restyling dell’interfaccia, nel nome di un nuovo linguaggio.

Material You andrà a modificare in modo radicale l’aspetto del sistema operativo, facendo della personalizzazione un valore aggiunto.

La rivoluzione di Google

Pixel 6 rinnovato nel design

La rivoluzione di Google

Saranno 2 Pixel 6 e 6 Pro, cambieranno sia per dimensioni che per numero di fotocamere.

Google dovrebbe finalmente adottare un teleobiettivo a periscopio, capace quindi di ingrandimenti maggiori rispetto a tutti gli smartphone Pixel passati. Ci sarebbe anche un quarto sensore, tra la fotocamera ed il LED flash, ovvero una Spectral / Flicker sensor

Una scelta praticamente obbligata per essere al passo con gli altri Pro/Ultra del mercato Android, non è comunque scontato nulla quando si parla di Google e dei Pixel.

Poi si vocifera di uno schermo Amoled fornito gentilmente da Samsung, che sappiamo essere tra i migliori produttori di schermi al mondo, con tanto di sensore finger print sotto il display.

Gli ultimi dettagli riguardano gli speaker stereo (due fori sono visibili nel profilo inferiore, ma non è detto abbiano per forza due speaker), il supporto alla ricarica wireless, e lo slot per la SIM sul fianco sinistro.

Quel che è certo è che, mai come quest’anno, Google sembra pronto a scommettere sui suoi Pixel, confezionando probabilmente il primo “vero” top di gamma di questa serie. A questo punto speriamo che qualcuno ci dica presto qualcosa sul prezzo, perché ce lo immaginiamo a 4 cifre, ed è una bella botta per l’hype.

 

La rivoluzione di Google