Huawei, niente P50 Lite?

Huawei, niente  P50 Lite?

I prossimi top gamma di Huawei, serie  P50,  potrebbero essere distribuiti in 3 varianti, privi probabilmente della  versione più economica e più venduta  Huawei P50 Lite, considerato che non sono ancora emersi rumors su di esso.

I tre modelli dovrebbero quindi essere: P50, P50 Pro e P50 Pro Plus (fonte Tomshw) . La variante base è prevista con un display privo di curvature laterali, quella Pro con dei bordi molto pronunciati e la variante Pro Plus con installato un display curvo su ogni lato. Oltretutto i vari modelli si distingueranno per prestazioni fotografici.

Huawei, niente P50 lite?

Sembrerebbe che la società cinese tornerà sui suoi passi, implementando una sola fotocamera frontale spostando il foro nella parte centrale.

Caratteristiche Tecniche

Secondo rumors più recenti, i prossimi top di gamma monterebbero lo stesso processore di Mate40 il Kirin 9000. Realizzato con processo produttivo a 5 nm, che è tutt’ora uno dei chipset più potenti in circolazione quando si parla di smartphone. Dai tagli di memoria ci aspettiamo un minimo di 8 GB di RAM LPDDR4X e 128 GB di storage UFS 3.1 espandibile via NanoSD.

Cio’ nonostante, sull’impianto tecnico di Huawei P50 e P50 Pro aleggiano dubbi in merito alla penuria di componentistica interna derivante dai blocchi statunitensi. Sappiamo bene come l’impossibilità di commerciare con TSMC abbia messo in ginocchio HiSilicon, costringendo Huawei a ripiegare verso soluzioni Qualcomm ma soprattutto MediaTek. Non a caso in precedenza si  vociferava come la serie P50 potesse basarsi sul futuro SoC high-end MediaTek , verosimilmente il Dimensity 2000.

Huawei potrebbe brevettare le lenti liquide

Il brevetto si riferisce ad un nuovo sensore chiamato “Liquid Lens” ,grazie alla  tecnologia di base base  delle lenti a liquido. Infatti, il sensore sarebbe dotato di queste particolari lenti,  mosse da un motore, parte dell’hardware del sensore. Con questa soluzione, l’obiettivo è quello di migliorare la stabilizzazione dell’immagine e la messa a fuoco in modo significativo.

Le lenti a liquido non sarebbero una vera e propria novità,  comunque  già not e Huawei potrebbe anticipare i suoi concorrenti implementando questa tecnologia anche sui suoi device, considerato i molteplici vantaggi. Infatti, non solo verrebbe migliorata la qualità fotografica, ma sarebbe possibile anche evitare di ricorrere ai sistemi 3D di tipo ToF per gestire la profondità di campo.

Data di lancio e prezzi

La notizia più insistente fino ad ora  è che i P50 venduti in Cina saranno dotati unicamente di Hongmeng OS mentre quelli venduti in Europa invece sia  di Android (senza Google Apps) sia di Harmony OS. Per la versione orientale non ci sono problemi, unico sistema operativo e assenza di applicazioni Google sono una questione totalmente trascurabile.

Per gli europei invece potrebbe si potrebbe far decidere all’utente che sistema operativo avviare. Ovviamente questa è un’occasione per Huawei di far conosce il suo OS anche in Occidente ma è anche vero che dalle nostre parti utilizzare Android è una consuetudine ormai.

Quindi  per il nostro mercato, possiamo aspettarci sia Harmony Os che la Emui 11 derivata da Android 11, senza però i servizi Google. Al loro posto è lecito credere ci siano gli Huawei Mobile Services, integrati in un’interfaccia grafica basata su Android e ammodernata con funzioni e peculiarità specifiche della serie.

Huawei P50 dovrebbe arrivare sul mercato a entro il primo trimestre del 2021, a prezzi probabilmente simili al suo predecessore, perciò sull’ordine degli 800 euro o poco più

 

Huawei, niente P50 Lite?