Apple Difference

Apple difference

Apple Difference

Se pensi alla tecnologia, pensi al futuro.
Pensi a cose nuove e mai viste prima, cose fino a pochi anni prima impensabili e che ora, non sai nemmeno come, puoi stringere tra le mani.
Perché se è vero che quest’anno ci ha portato nuovi smartphone, i processori M1 di Apple, le console di nuova generazione e tanto altro. L’oggetto di culto di questo sventurato 2020 secondo mè è stato ancora una volta Iphone12.
Quando penso a Apple, mi viene in mente Nintendo, e la filosofia che da sempre muove questa importantissima azienda Giapponese fondata nel lontano 23 settembre 1889 da Fusajiro Yamauchi.

La tanto famosa, per chi si intende di videogiochi Nintendo Difference, ovvero è da sempre considerata rea di non seguire i dettami del mercato e di rappresentare un freno all’evoluzione tecnologica.

Ma da sempre in grado di rivoluzionare il suo mercato di appartenenza.
Ecco Apple fa lo stesso, arriva come un terremoto nel mondo degli Smartphone, che di fatto è lei ad inventare.
Mette il touchscreen, e tutti la copiano, mette le batterie integrate e tutti la copiano.

Inventa lo store digitale e tutti la copiano, toglie il foro per il jack delle cuffie e tutti la copiano.

Mette la tacca nel display e tutti la copiano, poi, notizia recente, toglie il caricatore e le cuffie nelle scatole di vendita e, ovviamente tutti la copiano.
Tutto questo generando, come succede per Nintendo grande clamore attorno a se e da parte dei suoi detrattori.
Cos’è successo nel 2020?
L’anno della Pandemia e delle restrizioni, l’anno delle videochiamate, l’anno del lavoro da casa e della didattica a distanza?

Del5g, della grande ascesa delle aziende Cinesi, penso a Oppo a Vivo che stanno diventando sempre più una realtà internazionale, ma anche Xiaomi e Oneplus.

Nel quale il ban di Trump che ha frenato il dominio incontrastato di Huawei.
Così tra smartphone sempre più grandi e sempre più costosi e sempre di più tutti uguali.
Beh in questo anno funestato dal Covid19, nel quale quasi tutte le aziende hanno frenato violentemente i volumi di vendita.

Beh quest’anno abbiamo assistito all’ennesimo colpo da maestro di Apple.

Il potere delle idee

In un mercato che vive di rincorsa tecnologica, che ha sempre fame di novità e di colpi di scena per tenere vivo l’interesse dei consumatori.

Ecco che Apple rinfresca il design del vetusto Iphone 4/4s/5/5s. Ovvero che caratterizzava i suoi Smartphone prima del 2017, e lo fa mettendo a listino anche un modello mini.

Apple Difference

Roba che in ambito Android non si vedeva da anni e che nessuno ha il coraggio di provare a fare.

Ed è subito bum di vendite, tant’è che lo Smartphone nel 2020 equipaggiato dal 5g più venduto al mondo è niente popo di meno che ancora una volta Iphone 12.

Ovviamente c’è il nuovo microprocessore A14, delle nuove fotocamere che promettono faville. C’è il nuovo iOS 14, ma i tecnicismi tanto cari alle altre aziende qui passano quasi inosservati.
Cos’è che cambia veramente?
Cambia la filosofia, cambiano le idee, cambia il coraggio.
Si perché a mio avviso ad aver fatto la differenza in questo 2020 sono state come non mai, le idee, meno che fredde schede tecniche, meno che i freddi numeri.
Direi filosofia ed ecosistema, quello su cui i competitor dovranno sempre di più puntare, se è vero che Samsung zitta zitta, piano piano a quel traguardo ci sta arrivando e che Huawei non è poi così lontana, di certo non si può dire per tutti gli altri.

Buon anno a tutti da Esperienza Android.

Apple Difference