Galaxy Fold Z3 con S-pen

Galaxy Fold Z3 con S-pen

Samsung non ha mai abbandonato l’idea di introdurre l’utilizzo del famoso pennino su dispositivi diversi dalla serie Note.

Qualche indiscrezione emersa durante la presentazione dei Galaxy S20, accennava alla possibilità di vedere la S-pen con i nuovi top di gamma, ma di fatto così non è stato.

L’OEM non demorde e pensa al Fold Z3 con S-pen

Lo scoglio da superare è la tecnologia dello schermo, che ad oggi risulta ancora troppo “fragile” sul Galaxy Fold Z2, ma sono in corso degli studi da parte del Team Sviluppo.

Il Galaxy Note ha la cosi detta “digitalizzazione”  EMR (Electro Magnetic Resonance) mentre il Fold Z2 usa lo strato UTG, non adeguato e spesso all’uso del pennino.

UBI Research, riporta la notizia che Samsung non è in grado di adottare sul Fold Z3 tecnologia EMR per uno schermo pieghevole ma  potrebbe decidere di dirottare sulla AES.

Differenze tra le due tecnologie

La tecnologia a risonanza magnetica (EMR) brevettata di Wacom consiste in uno strato di sensori situati posteriormente allo schermo  e a una lastra di vetro temperato.

Digitalizzatori EMR (Electro-Magnetic Resonance o a risonanza elettromagnetica) che altro non sono se non la classica tecnologia Wacom Penabled proposta nei migliori Tablet PC da quasi vent’anni

Il suo utilizzo per l’utente digitale  è l’equivalente della carta normale con una penna ad inchiostro.

Digitalizzazione AES  (Active Electro-Stati) il nuovo stilo multiprotocollo  adattando le frequenze radio ed i protocolli in modo da poter operare perfettamente con dozzine di diversi Tablet PC.

[Fonte. Wacom.com]

Entrambi le tecnologie quindi sono in grado di dare  la possibilità ad un dispositivo sia esso pieghevole o meno, di poter utilizzare il pennino.

Probabilmente Samsung pare sia più incline alla digitalizzazione AES per il suo prossimo dispositivo flessibile.

SamMobile crede in questo progetto ed infatti riporta che il brand sud coreano è al lavoro per “fortificare” lo strato del vetro UTG, attualmente  di 30 micrometri  (Galaxy Fold Z2) sul prossimo pieghevole così da consentire l’uso della S-pen.

l dubbio che sorge o sorgerà nei clienti , qualora queste prime indiscrezioni dovessero avere delle fondamenta,  è se poi sarà il caso di dirottare sul Note o la serie S.

Che Samsung stia puntando molto sugli smartphone flessibili non è un segreto, anzi col passare del tempo diventa sempre più una certezza.

Ma voi amici, siete favorevoli o meno alla S-pen sul prossimo Galaxy Fold Z oppure pensate che Samsung debba comunque differenziare i Galaxy Note dal resto della produzione?

Fateci sapere nei commenti la vostra opinione.