Galaxy Fold Z sarà il Top del brand?

Galaxy Fold Z sarà il Top del brand?

Che Samsung stia cercando di invertire le gerarchie dei suoi dispositivi, lo stanno pensando in tanti.

Gli investimenti fatti dall’OEM sui dispositivi pieghevoli sono notevoli e lo si intuisce dalla pubblicità degli stessi ovunque si parli dei suoi smartphone.

I segnali che ci portano a pensarlo non sono pochi e neanche tanto velati.

Galaxy Fold Z sarà il Top del brand?

Di solito ci affidiamo a indiscrezioni non ufficiali, pertanto siamo nell’ambito delle supposizioni, ma vediamo insieme cosa sta accadendo

Le voci di un Galaxy S21 non molto dissimile dall’attuale S20 si fanno sempre più insistenti e, manco a dirlo, i processori restano Exynos anche se cambia la sigla 1000, contro l’attuale 990.

Samsung  in compenso che ha dichiarato di voler colmare il divario con Qualcomm, ma è da tanto che in tutta onestà lo si sente dire.

La S pen potrebbe allora essere l’ago della bilancia

Gli estimatori dei Galaxy Note, probabilmente hanno da sempre distinto il loro modello dalla serie S (che stando alle statistiche è il più amato dai clienti Samsung) grazie al famoso pennino.

Dovesse allora Galaxy S21 adottare la S pen (ipotesi tutt’altro che remota) e vederla implementata sul Galaxy Fold Z 2, sarebbe la svolta.

Galaxy Fold Z sarà il Top del brand?

E’ lecito pensarlo, considerati i prezzi sia del Note sia del Galaxy S, ottenendo così , nell’acquistare Fold Z 2 e successivi,  tutte le caratteristiche volute dagli utenti in un unico dispositivo.

Processore unificato Qualcomm, schermo aperto tale da emulare un tablet e la S pen, tre aggiornamenti successivi alla versione Android (in realtà dovrebbe già valere per i tutti i modelli del 2020, da verificare ovviamente).

Lo si è visto con l’aggiunta alla lista per la One UI 2,5 per i top di gamma del 2018,  anche se non è la versione 11 del robottino verde, rimane  un aggiornamento importante per l’esperienza d’uso.