Files APK impariamo a conoscerli

Files APK impariamo a conoscerli.

Questa piccola guida ha come sola pretesa di  conoscere i files APK e come scaricarli sui nostri dispositivi Android.

Avviso:

  1. Non tutte le app disponibili al di fuori del Play Store sono sicure.
  2.  Assicuratevi di non scaricare app pirata, che potrebbero contenere anche malware.
  3. Inoltre, allontanatevi dai siti Web / risorse online che potrebbero distribuirli.

Android Package Kit (abbreviato in ” APK “) è il formato di file standard per le app mobili utilizzate nel sistema operativo Android

Per intenderci è l’equivalente dell’estensione EXE eseguibile per Windows, pertanto APK è eseguibile su Android per installare un’ applicazione.

Quando si rende necessario installare un file APk al di fuori del Play Store?

In alcuni casi, gli sviluppatori decidono di non pubblicare le loro app sullo store ufficiale Google o che sia stata rimossa invece per le violazioni.

Ma non solo,  potrebbe essere distribuita solo in determinati paesi, pertanto in Italia non è possibile.

Inoltre dopo lo sblocco  del  bootloader potrebbe accadere che non vengano più visualizzate determinate app in quanto non si  supera la certificazione Play Protec

Un esempio è Netflix oppure Sky Go…

Non necessariamente però occorre si verifichino le condizioni fin qui descritte, basti pensare ad una determinata applicazione che con gli ‘ultimi aggiornamenti  potrebbe presentare  problemi / bug.

In questo caso quindi , potrebbe essere necessario installare manualmente la versione precedente più stabile dell’app.

Insomma potrebbero essere tanti i motivi che ci spingono ad installare dei files fuori dal Play Store ma continuiamo a raccomandare prudenza.

Allora ecco alcune fonti affidabili da cui attingere oppure direttamente dallo sviluppatore

F-Droid,  è un catalogo di applicazioni FOSS (Free and Open Source Software) installabili per la piattaforma Android.

APKMirror , troverete le ultime versioni delle applicazioni, anche se non ancora distribuite dal Play Store.

XDA-Labs, non ha bisogno di essere elogiato. Ottimo hub soprattutto per chi possiede dispositivi con i permessi di root, ma non solo.

SamMobile Apk,  affidabile e ovviamente consigliato a chi è possessore di Dispositivi Samsung.

Bene amici se volete poi installare degli APK che magari non sono disponibili per il paese in cui vivete, altro piccolo trucco potrebbe essere l’installazione dei cosi detti VPN o Rete Virtuale Privata.

Scaricandola sui propri dispositivi si avrà la possibilità di connettersi “virtualmente” alla rete di una determinata nazione bypassando le limitazioni di restrizione per le app.

Basta selezionare dal menù la nazione (troverete la bandiera come simbolo) connettersi e cercare l’app desiderata.

Le reti VPN però sono per lo più a pagamento e garantiscono moltissimi servizi che vanno ben oltre la semplice installazione di app ( ne parleremo più approfonditamente in un prossimo articolo su EA).

A noi può bastare una delle più scaricate e gratuite da Google Paly Store, Secure VPN, ovviamente come ogni applicazione che si rispetti, si può scegliere un abbonamento mensile.

Files APK impariamo a conoscerli

Due diversi modi di installare un’APK sui nostri dispositivi

Abilitare “Installa app sconosciute” sul tuo telefono Android con Android Oreo e versioni successive o “Origini sconosciute” se sul tuo telefono è installato Android Nougat e versioni precedenti.

1)Scaricare il file sul pc potrebbe essere la migliore (per praticità di ricerca), incollando poi successivamente l’APK nella cartella Download, cliccate su installa.

2) Direttamente dal browser sul cellulare,, abilitando “consenti” alla voce installa app sconosciute.

Se usiamo Chrome  invece che Internet Samsung faremo la stessa procedura nelle impostazioni.

Attenzione alle Autorizzazioni richieste per l’installazione

Molte volte vengono richieste autorizzazioni non necessarie al lo scopo del buon funzionamento delle app.

Con Android 9 e successivamente con la versione 10, in particolar modo per la posizione Google ha cercato di limitarne l’uso incondizionato che porta a consumi elevati e, cosa più importante, a sapere tutto ciò che facciamo con lo smartphone.

Conoscere i permessi concessi ad un’app in precedenza

Per conoscere in fase di installazione quali autorizzazioni abbiamo dato alle app rechiamoci in Impostazioni-Applicazioni selezioniamo l’app da visionare e scendiamo alla voce “Autorizzazioni”.

Qui possiamo conoscere tutto ciò di cui si nutre l’applicazione e se qualcosa non ci convince magari eliminarla dal dispositivo.

Scaricare un file APK da internet non ci consente di saperlo prima, ma da Google Play Store si.

Prima di procedere all’istallazione, possiamo verificare quanto richiesto seguendo il percorso Info sull’app, in basso alla pagina autorizzazioni app “mostra altro”.

Bene amici più che  Files APK impariamo a conoscerli, sarebbe il caso di dire evitiamo di installarli da fonti non fidate, potrebbero creare seri problemi ai nostri dispositivi.

Nulla di irrisolvibile ma prevenire, a volte, ne vale la pena.