Android 11 è tempo di indiscrezioni

Android 11 è  tempo di indiscrezioni

Siamo solo alla fine della distribuzione di Android 10 e già si comincia a parlare del successore

Il colosso californiano, a sorpresa,  ha svelato con un’ anteprima per sviluppatori già in questo mese alcune funzionalità.

Google ha  fatto molta pressione sugli OEM affinchè venisse distribuito rapidamente la versione 10 del robottino verde.

Basti pensare che Samsung, notoriamente laborioso, ha completato la distribuzione sui dispositivi di fascia alta e non solo.

Altri brand stanno accelerando in maniera significativa ove gli è consentito.

Ma Android 11 (ovviamente in fase di sviluppo), già mostra le prime modifiche significative per l’utente finale.

Sono davvero tante le novità e Google sta cercando il più possibile di diventare il vero protagonista della gestione del software.

Alcune funzioni introdotte dai costruttori, saranno prerogativa proprio di Android

Un esempio può essere la variazione del Tema scuro e chiaro in base all’orario, che Samsung ha implementato, sarà infatti di default nella nuova versione per tutti i dispositivi Android.

La possibilità di interagire direttamente dalla notifica (sempre come avviene sui Samsung) sarà prerogativa del Software e non del singolo brand.

La registrazione dello schermo sarà parte integrante del S.O. e a quanto pare, notevolmente migliorata in alcune opzioni.

La gestione delle notifiche sembra essere sostanzialmente aggiornata, iniziando da una cronologia delle stesse

Chissà se vi sarà mai capitato di cancellare una notifica e subito dopo cercarla invano.

Gli sviluppatori di XDA-Developers, hanno individuato l’opzione

Quindi finalmente potremo verificare cosa abbiamo eliminato in un apposito menù.

Le indiscrezioni su Android 11 sono davvero tante, oltre a quelle citate ci sarà la possibilità di dare l’autorizzazione  posizione,  microfono oppure  fotocamera alle app in  più ozioni.

Al momento con Android 10 si può scegliere di concederla sempre-solo quando l’app è in uso, oppure vietarne la disponibilità.

Con Android 11 è possibile un’ulteriore opzione solo questa volta,  successivamente sarà negato.

Project Mainline ulteriormente migliorato

Android 10 ha introdotto la possibilità di aggiornare parti di Android direttamente attraverso il Play Store .

Android 11 lo farà ancora di più consentendo a più parti del software, di ottenere aggiornamenti senza la necessità di inviare un OTA completo.

Google prova il collegamento alle impostazioni rapide in Android 11, proprio come in passato

Fonte: androidauthority.com

Secondo alcuni aggiustamenti di codice condotti dagli  sviluppatori XDA , Google potrebbe testare una scorciatoia per accedere rapidamente alle Impostazioni rapide senza bisogno di doppio scorrimento.

Al contrario, è possibile visualizzare  solo le  notifiche o  solo le Impostazioni rapide a seconda del lato del display che si scorre verso il basso (come nel video).

Un pò come accadeva sulle ROM personalizzate di  LineageOS.

L’interfaccia utente non dovrebbe cambiare di molto, Google sta concentrando le sue risorse sullo sviluppo delle funzionalità gestuale e molto sulla privacy , crediamo quindi  che l’estetica sarà ancora molto simile ad Android 10.

Ovviamente manca ancora qualche mese alla presentazione ufficiale che di solito Google tiene  a maggio e tante cose potrebbero cambiare.