Problemi con Android? Ti aiuta Google

Problemi con Android? Ti aiuta Google

Un’iniziativa alquanto suggestiva quella di Google.

Per gli utenti alle prime armi sui dispositivi Android, qualora dovessero avrere difficoltà oppure imbattersi in problemi legati al software, nasce  #AndroidHelp

Problemi con Android ti aiuta Google

Annunciato ieri  sull’account Twitter Android ufficiale, #AndroidHelp  già ha ricevuto moltissimi Tweet

Non sappiamo ancora quale sia l’effettiva utilità del servizio messo a disposizione dal colosso californiano e in che modo potrà aiutare gli utenti davvero in difficoltà.

E’ giusto rammentare  che vi sono ulteriori link a cui fare riferimento, ad esempio le pagine di supporto Google, dove troverete tutte le informazioni per poter contattare i costruttori dei vostri dispositivi.

Inoltre in un menù apposito ci sono tutte le risposte alle nostre domande e in diverse lingue

Problemi con Android? Ti aiuta Google

I quesiti posti dagli utenti sulla pagina Twitter #AndroidHepl  poco hanno a che vedere cono le problematiche, come riportato da 9to5google, vi sono molte domande inerenti i tempi di attesa per Android 10.

Abbiamo verificato e non è proprio così, molte richieste di assistenza e informazioni sono in attesa di risposta.

Ci sembra doveroso ricordare  che  produttori come Samsung, Xiaomi, LG e altri offrono anche assistenza online per i loro dispositivi.

Google ha annunciato l’inizio del servizio asserendo di voler aiutare in qualche modo soprattutto gli utenti alle prime armi, anche  perchè tutta  questa tecnologia potrebbe mandarli in confusione.

Oggettivamente è da apprezzare l’iniziativa se non altro per l’interesse che Google ultimamente sta mostrando per  i sostenitori del suo Software e  non solo

Agli inizi del 2019 sempre Google iniziò una campagna di sensibilizzazione (sinceramente aveva più il sapore di un’imposizione) nei confronti degli OEM.

I dispositivi di fascia alta ( i più costosi e che superavano un determinato numero di vendite)  dovevano rilasciare  le patch di sicurezza mensili con maggior solerzia.

Estesa poi agli aggiornamenti software la predetta “campagna di sensibilizzazione” ha sortito i primi effetti.

Ad oggi possiamo affermare che i dispositivi di fascia alta stanno aggiornando in maniera molto più ordinata e frequente.

E voi amici pensate di usare o magari lo avete fatto, #AndroidHepl?

Ci piacerebbe sapere  nei commenti, la vostra opinione in merito oppure la vostra esperienza, qualora avete già avuto i primi contatti con un Tweet.