Google blocca i files Apk ?

Google blocca i files Apk ?

Google Advance Protect potrebbe bloccare l’installazione di files Apk al di fuori del Play Store.

In realtà, letto così potrebbe sembrare una notizia di poco conto.

Ma a lanciare l’allarme è un articolo di Android Police, che tutti sappiamo vicino  a Google.

Non ci sarebbe da preoccuparsi se Google Advance Protect agisse solo ed esclusivamente per il Play Store.

La notizia però diventa “inquietante” allorquando, oltre alle app dello store, si parla di files Apk esterni ad esso.

Cosa potrebbe accadere?

Google Advance Protection introdotto da Google per sorvegliare le applicazioni potenzialmente dannose che portavano sui dispositivi malware.

Ma non solo, altre app così dette “fraudolente”, una volta installate,  apparentemente innocue per gli utilizzatori, trasmettevano i dati dell’utente ad un server diverso per poi sfruttarli in caso di pubblicità trasversale.

Ora sembra che il colosso  californiano voglia impedire di poter installare sul dispositivo, le applicazioni ritenute dannose anche dal browser.

Chrome  è il browser predefinito per Android e fin qui potremmo anche accettare le volontà di Google, ma il concetto è esteso a tutti gli altri.

In conclusione Android Police ha anticipato quello che tanti utilizzatori temevano.

 

In queste due demo, vediamo in pratica come i ragazzi di Android Police riescono dapprima ad installare una app e successivamente viene bloccata da Google Advance Protection.

 

Non potremo più scaricare il files Apk al di fuori del Play store di Google

Allora non potremo più personalizzare i nostri dispositivi a piacimento.

Dovremo semplicemente scaricare le applicazioni che ci vengono imposte da Google.

Google Advance Protect valuterà i files scaricati e potrà impedirne l’installazione.

Fortunatamente solo agli account Google

I dispositivi Huawei o altri brand che rinunciano per volontà o per imposizione ai GMS, potranno continuare a prelevare i loro files da internet.

Google blocca i files Apk e questo non sarà accolto con ovazione da molti utilizzatori del robottino verde, anche se per ora è un’ ipotesi ( non solo  un’ potesi n.d.r.) di Android Police.