iPhone 11 Pro Max due mesi dopo: pro Vs contro

Sono già passati due mesi dall’uscita sul mercato dei nuovi iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max. 

Abbiamo tutti avuto modo di apprezzarli, disprezzarli, provarli e osservarli nei vari test e video online cercando di avere un quadro generale su questi dispositivi. Fra i nuovi iPhone questi il più riuscito è il Pro Max.

Premiato come lo smartphone con il migliore display e la miglior autonomia nonché uno dei migliori camera phone attualmente in circolazione.

Dopo aver provato per 60 giorni l’iPhone 11 Pro Max da 64GB siamo pronti a condividere la nostra recensione illustrandovi pregi e difetti.

Display pro

Il display di iPhone 11 Pro Max conferma la qualità sempre garantita da Apple. Il pannello è un OLED da 6.5” con oltre 400 ppi e supporto all’HDR prodotto dalla leader del settore Samsung.

A questo si aggiunge il True Tone che regola il punto di bianco a seconda della luce ambientale ed una luminosità in grado di raggiungere i 1200 nits.

Display contro

Non possiamo parlare di un difetto del pannello ma di una necessaria scelta che tuttavia va considerata. Parliamo della notch  meglio della tacca che ospita fotocamera anteriore, sensistica e capsula auricolare. In un mercato che punta al completo full screen Apple non si è preoccupata  nemmeno di ridurne le dimensioni.

Face ID pro

Tre anni dopo il suo arrivo, il Face ID resta il miglior metodo di sblocco del volto presente sul mercato per la perfetta unione tra velocità, affidabilità e sicurezza. Questo sistema assicura lo sblocco in ogni condizione di luce, migliorato inoltre in velocità e ampiezza di sblocco.

Face ID contro

Nonostante gli upgrade il Face ID resta limitato. Infatti non è possibile sbloccare iPhone con la maggior parte degli occhiali da sole senza rinunciare ad alcune funzioni di sicurezza. È inoltre necessario essere nel range di visibilità dei sensori e rimane ancora più lento del Touch ID di seconda generazione. In definitiva, forse un sensore di impronta nel display, nel tasto laterale, o sul retro, magari nel logo Apple sarebbe stato un Plus non da poco.

Batteria

Sotto questo punto di vista solo Pro, un’autonomia da Battery phone. Con una capacità da quasi 4000 mAh e l’ottimizzazione del processore A13 Bionic consentono di arrivare a notte senza problemi con uso intenso, fino a coprire le due giornate con utilizzo standard.

Fotocamera pro

La tripla fotocamera con ottica standard, zoom e grandangolo arriva su iPhone permettendo così di avere tutte le ampiezze possibili.

Si aggiunge pure la nuova Night Mode che permette di migliorare notevolmente gli scatti in notturna con esposizioni da 0 a 26 secondi.

I tempi sono settabili manualmente anche se iPhone stabilisce un limite massimo a seconda della stabilità e delle condizioni di luce. La modalità ritratto si estende all’ottica standard e non è più limitata alla zoom 2x. Video come sempre al top con risoluzione fino a 4k 60 fps e 1080 240 fps. Ottimo l’upgrade anche per la fotocamera interna che passa da 7 a 12 MP.

Fotocamera contro

Tutte le tre lenti sono da 12 MP e questo potrebbe essere un limite quando si scatta in grandangolare dove si perde qualche dettaglio per la scarsa risoluzione. Questa mancanza sarà però compensata dal software con l’arrivo della Deep Fusion su iOS 13.2.

Questa modalità unisce 9 scatti a quello manuale per aumentarne la definizione mediante l’intelligenza artificiale.

Revisioned by Gaetano Valenti