Samsung addio Exynos

Per i propri smarphone di punta Samsung ha utilizzato praticamente sempre i propri processori Exynos o, in alternativa, i chip Qualcomm. I device basati su Qualcomm sono venduti in mercati limitati, vedi Stati Uniti e Cina, mentre le varianti Exynos sono distribuite nel resto del mondo.

Se i chip Exynos hanno caratterizzato i Mongoose Cores personalizzati di Samsung per alcuni anni,  il concorrente Snapdragon si è dimostrato migliore nella gestione termica e nell’efficienza della batteria. Diminuendo però il divario di prestazioni anno dopo anno. Samsung avrebbe quindi deciso, d’ora in avanti, di sostituire i processori Exynos

I futuri processori Exynos potrebbero non avere Core personalizzati di Samsung

I ben informati asseriscono che  Samsung abbia licenziato l’intero team di sviluppo CPU nel suo R&D Center di Austin. Fondato nel 2010, il R&D Center in Texas sviluppa CPU e IP di sistema. E sembra che anche lo sviluppo del suo CPU Core personalizzato si stato fatto qui

Samsung ha costruito i propri CPU Core personalizzati in base alla sua versione dell’architettura ARMv8. Questo per non di limitare le licenze Core di ARM. L’Exynos 9825 di Galaxy Note 10 è dotato di Mongoose Core M4 di quarta generazione, sviluppato con la stessa tecnologia chipset 7nm come il semi-personalizzato Core dello Snapdragon Kryo 485. Quest’ultimo potrebbe quindi aprire nuovi scenari per Samsung nell’utilizzo multi-Core

I Mongoose Core, giunti alla quarta generazione, non sono stati in grado di eguagliare, figuriamoci superare, ciò che Qualcomm è stato in grado di ottenere con il suo design semi-personalizzato. Quindi potrebbe essere effettivamente stata tracciata una linea netta e definitiva. L’abbandono della via vecchia per concentrare altrove sforzi e risorse

Questo ovviamente non significa che Samsung smetterà di produrre processori Exynos. Samsung non ha infatti licenziato i team di sviluppo GPU e SoC. Molto probabilmente verrà intrapresa la strada di sviluppare i propri device con Qualcomm unitamente alla licenza standard Core di ARM. I futuri SoC Exynos potranno quindi presentare ARM Core pronti all’uso in prodotti diversi.
Al momento si tratta, seppur fondatamente, di supposizioni. Samsung non ha rilasciato dichiarazioni ma siamo sicuri non tarderanno ad arrivare