iPhone 11 Pro Max: migliore display

Sono passate due settimane dal lancio di iPhone 11 Pro Max e 5 giorni dalla disponibilità sul mercato.

Il nuovo iPhone inizia a fare le prime apparizioni nelle mani di chi ha avuto modo di prenotarli e riceverli per primi.

Molti utenti si recano negli store per vederlo, provarlo, per valutare se è veramente veloce e per apprezzarne il display.

Altri, dicono convinti di non acquistarlo mai perché orribile.

Da utente Apple non hai tanta scelta, prima o poi troverai un motivo che ti farà dimenticare la disposizione delle tre fotocamere ed il costo elevato per acquistarlo.

La cosa certa è che ha una batteria infinita e fuori dagli standard Apple, una fantastica fotocamera e il migliore display attualmente al mondo.

Questa la notizia diffusa da DsiplayMate, società che analizza e testa i display dei migliori smartphone in commercio.

Ecco la notizia che farà rizzare il naso a chi ha sempre disprezzato i display Apple, iPhone 11 Pro Max ha il migliore display al mondo.

Migliore di Samsung, migliore di Huawei.

All’affermazione si arriva testando e stressando il pannello Super Retina XDR montato da iPhone 11 Pro Max.

iPhone 11 pro Max

iPhone 11 pro Max

iPhone 11 pro Max

Al pannello Oled Apple viene assegnato un punteggio A+ superiore agli standard Samsung e Huawei.

Rispetto al predecessore Xs Max, il nuovo Pro Max presenta fra l’altro, una superiore luminosità e accuratezza dei colori e un risparmio energetico quantificato al 15%.

La luminosità di picco raggiunge gli 820 nits doppia rispetto a quella dei migliori smartphone di fascia alta.

Il livello massimo di luminosità raggiungibile è di 1200 nits superiore al pannello Oled del Samsung S10.

Quindi tralasciando i dati puramente tecnici difficili pure da interpretare il display realizzato dalla Apple batte tutti, al momento.

Per ultima una curiosità, alla domanda posta la Genius “perché avete modificato l’estetica in modo così drastico e poco piacevole, perché i prezzi sono così elevati?”

Segue la risposta “alla Apple non interessa l’acquirente occasionale ma l’amante Apple”.