Galaxy Note 10 Plus e 10 Plus 5G: i migliori in fotocamera e display?

Galaxy Note 10  Plus e Galaxy Note 10 Plus 5G conquistano la vetta di DxOMark e di DisplayMate.

Non tutti conoscono e sanno cosa trattano questi due nomi, cerchiamo di fornire delle necessarie informazioni.

DxOMark fornisce misurazioni e valutazioni sulla qualità delle immagini scattate da smartphone.

DisplayMate realizza test e modelli di calibrazione, fornisce inoltre informazioni, consigli e indicazioni per impostare, modificare, ottimizzare, testare, valutare e migliorare la qualità dell’immagine.

Varie pubblicazioni su computer e video utilizzano DisplayMate per testare e valutare l’hardware video.

Nel nostro caso specifico DxOMark ha testato il comparto fotografico dei Note 10 Plus e Note 10 Plus 5G.

DisplayMate invece, ha testato il generoso e ampio display da 6,8 pollici di questi due devices.

Note 10 plus note 10 plus

 

Dai test eseguiti da DxOMaek il comparto fotografico dei due Note 10 Plus supera di un punto sia Huawei P30 Pro che S10 5G.

Dal grafico notiamo i 113 punti contro i 112 ma si tratta di un punteggio generale.

Nello specifico vediamo che con le fotografie, i nuovi top di gamma Samsung con i loro 118 punti tengono testa al top di gamma Huawei  con 119 punti.

Con i video invece,  Note 10 Plus e 10 Plus 5G con 101 superano il P30 Pro con 97 punti.

La stessa cosa succede nei Selfie dove i Note registrano 99 punti rispetto a  Huawei con 89.

Gli elementi che sono stati valutati sono i seguenti:

  • Autofocus molto rapido e preciso;
  • L’esposizione;
  • L’effetto bokeh;
  • Il rumore;
  • I dettagli anche con lo zoom;
  • Colori vividi e piacevoli;
  • La stabilizzazione dei video.

In alcune situazioni si è presentata qualche perplessità  per i colori saturi, il bilanciamento del bianco e il rumore in alcune situazioni di scarsa luminosità.

Nei test di DisplayMate il display SuperAmoled da 6,8 pollici di 3.040 x 1.440 pixel di Galaxy Note 10 Plus e Note 10 Plus 5G ottengono la valutazione A+ e ben 13 record.

Questi dati lanciano al primo posto i due device rispetto alla concorrenza.

Portiamo come esempio la luminosità con 1.308 nits e la precisione del colore possibile anche grazie alla nuova gestione automatica.

Altro motivo di lode per Samsung è la capacità di essere stata in grado di ridurre del 37,5% il livello di luce blu, ritenuta potenzialmente dannosa,  rispetto al predecessore Galaxy Note 9.

Sulla base di tutti questi test e risultati, sembra proprio che la casa Samsung con questi due nuovi prodotti della serie Note, abbia raggiunto livelli ineguagliabili.

Revisioned by Gaetano Valenti