Diamo aria al nostro polmone. Aiutiamo la natura.

Dopo gli incendi boschivi che hanno colpito Brasile e Siberia, alcuni progetti stanno promuovendo azioni che mirano all’aumento del “polmone verde” del nostro pianeta.

Il progetto fiorentino Treedom nasce nel 2010 con lo scopo di piantare alberi in varie località al fine di:

  • forestazione della zona con conseguente immissione di ossigeno e riduzione del disboscamento;
  • impiego di manodopera locale e aumento della qualità della vita per le popolazioni Indigene.

L’utente acquista uno o più alberi e tramite la piattaforma e sarà possibile seguirne la vita.

L’albero sarà geolocalizzato, fotografato e potrà essere custodito o regalato virtualmente.

Il sito offre la possibilità di fare un regalo “eco friendly” o di dare un’immagine aziendale positiva ai propri clienti, fornitori e dipendenti.

In una simile direzione si muove Ecosia, che non chiede alcun contributo finanziario ma solo il suo utilizzo come motore di ricerca.

L’obiettivo è quello di

incentivare la piantumazione di alberi sul globo terrestre.

Al 25/08/2019 i dati di ricavo aggiornati a Luglio 2019  sono stati pari a €. 1.567.995,00.

Le aziende menzionate in questo articolo non sono le uniche operanti verso la direzione indicata.

Il nostro obiettivo è sensibilizzare la collettività verso un problema attuale che inciderà sulla nostra vita e su quella dei nostri figli e nipoti.

Fino a quando Elon Musk non troverà il modo di rendere vivibile Marte la nostra amata Terre sarà l’unico pianeta per noi vivibile.

Le risorse terrestri, anno dopo anno, diminuiscono ed è nostro compito preservare la specie umana il più a lungo possibile e in condizioni ottimali.

Ricordiamo sempre che “Quando avrete abbattuto l’ultimo albero, quando avrete pescato l’ultimo pesce, quando avrete inquinato l’ultimo fiume, allora vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.”

Revisioned by Gaetano Valenti