Huawei escalation della crisi

Huawei escalation della crisi dopo il ban di Trump.

Non è un segreto che Huawei stia attraversando alcuni problemi seri dopo che è stata aggiunta all’elenco delle Entità degli Stati Uniti. Decisone che le impedisce di fare affari con le società statunitensi. In effetti, la maggior parte dei partner americani del produttore si sono affrettati a tagliare i loro legami con l’Azienda cinese. Primo fra tutti Google ma anche i produttori di chip .

La decisione di ARM di fare lo stesso ha anche impedito a Huawei di continuare a costruire i suoi chip Kirin, che erano presenti nella maggior parte dei suoi dispositivi.
Da una parte Huawei sta cercando di superare questi problemi con il software in-house  e lavorando con Aptoide per realizzare una sostituzione del Play Store. Dall’altra sta lottando per convincere il mondo della sua redditività.

Nuovi rapporti informativi Foxconn ha interrotto la produzione dei dispositivi Huawei, confermando ulteriormente che l’azienda è nei guai.
Secondo quanto riportato, Huawei ha incaricato Foxconn di ridurre il numero di dispositivi che costruisce, facendo accenno alla domanda per i suoi prodotti in forte diminuzione. Sembra che l’incertezza sia così alta che il produttore abbia dovuto interrompere completamente le linee di produzionei.

Il futuro non è chiaro, dal momento che il conflitto tra Cina e Stati Uniti è in aumento. Ad acuire la situazione potrebbe pesare la minaccia di Pechino di vendicarsi inserendo nella lista nera le compagnie americane e privando il paese di risorse critiche. Per Huawei sembra che questa escalation della crisi non abbia fine e che nuvole sempre più bigie si affollino all’orizzonte

Speriamo che questo si risolva presto, poiché le aziende di tutto il mondo si stanno preparando mentre la situazione si sta intensificando.