#10YearsChallenge: generazioni di smartphone a confronto

Cos’è la #10YearsChallenge

La #10YearsChallenge è un meme che sta spopolando sul web. Si tratta di una “sfida social” con delle regole molto semplici: servono due foto, meglio se in collage per facilitarne il confronto, una scattata nel 2009 e una in questi primi giorni del 2019.

La nostra versione della #10YearsChallenge

I produttori di smartphone non sono immuni ai meme. Infatti, molti brand hanno già pubblicato sui loro profili social una personalissima versione della #10YearsChallenge. I brand che si sono cimentati in questa challenge sono diversi e noi di EsperienzAndroid | EsperienzApple abbiamo pensato di raccogliere la maggior parte dei produttori in unico post. Proponiamo, così, una nostra personale versione della #10YearsChallenge organizzata per marchio.

Ovviamente non tutte le case produttrici di smartphone hanno già una proposta per questo 2019, quindi, nella maggior parte dei casi abbiamo usato telefoni popolari del 2018. Buona lettura!

SAMSUNG

La serie Galaxy di Samsung compie 10 anni proprio quest’anno. Tutto è iniziato con Samsung i7500 Galaxy. Negli anni la serie si è evoluta e si è arricchita notevolmente crescendo in features ma anche in dimensioni. Samsung Galaxy Note 9 è enorme rispetto al suo antenato!

APPLE

Apple ha sempre avuto uno stile molto personale in termini di schermo. L’iPhone 3GS aveva un display rettangolare in rapporto di forma 3:2 (come gli odierni iPad) mentre il nuovissimo iPhone XS Max ha uno schermo 19,5:9 con angoli arrotondati ed il discutibile notch, trend che ha dominato tutto il 2018 in termini di design. Anche in casa Apple l’avanzamento tecnologico ha portato ad un importante aumento delle dimensioni dello smartphone, basta una rapida occhiata alla foto sotto per rendersene conto.

HTC

HTC HD2 è stato definito da molti lo smartphone immortale. Il suo hardware particolarmente performante ha permesso agli sviluppatori di creare aggiornamenti appositi per molti anni. Sono stati addirittura in grado di farci girare Android 7.0 Nougat! HTC ha continuato per molti anni a creare nuovi smartphone alcuni dei quali con feature molto pioneristiche. HTC U12+ è il top di gamma del momento. Si tratta di un ottimo smartphone, forse il più concreto ed affidabile del 2018, anche se difficilmente arriverà allo stesso livello di riconoscimento del suo predecessore.

SONY

Nel 2012 Sony ha acquistato le azioni di Ericsson inglobando, di fatto, la società collegata. Per questo motivo nei modelli degli ultimi anni è scomparsa la dicitura “Ericsson” dai nomi dei terminali. Sony Ericsson Xperia X1 è il primo smartphone della serie Xperia del produttore. Ha dell’incredibile metterlo a confronto con l’ultimo nato della serie: Sony Xperia XZ3. Nel tempo il brand si è evoluto notevolmente, specialmente nel linguaggio estetico della progettazione. A partire da XZ2 Sony è passata a delle linee più morbide e arrotondate, mentre i modelli precedenti erano per lo più squadrati e caratterizzati dal design Omnibalance.

LG

LG KM900 Arena aveva tra i suoi maggiori vanti l’ottimizzazione sonora Dolby Mobile che permetteva una qualità audio straordinaria. LG V40 ThinQ segue questa tradizione multimediale poiché integra un Quad DAC Hi-Fi a 32 bit che migliora l’esperienza del DTS X 3D Surround Sound.

HUAWEI

Huawei era sconosciuta alle folle nel 2009, ma era già presente sul mercato mobile di diversi paesi con il suo Huawei U8230. Uno smartphone di fascia media con una fotocamera da 3,15 Megapixel. Sarebbe stato molto difficile, se non impossibile, immaginare che la casa cinese avrebbe sfornato un top camera-phone come il suo Huawei Mate 20 Pro.

NOKIA

Nokia, dopo diverse peripezie, è riuscita a tornare sul mercato mobile con una line-up di smartphone completa. Nokia 8 Sirocco è il bellissimo top di gamma del momento. Ovviamente è molto diverso dal suo antenato Nokia 5800 Navigation edition, sia nel software, che passa da Symbian ad Android, che nella tecnologia del display, resistivo per il 5800 e capacitivo per l’8 Sirocco.

MOTOROLA

Motorola è stato uno dei brand protagonisti del mondo Android per diversi anni. Il suo Motorola Droid, come molti smartphone dell’epoca, nascondeva una tastiera QWERTY sotto uno slider meccanico. Oggi, grazie ai moduli, è possibile ricreare quel design con tastiera QWERTY sul Motorola Moto Z3 usando semplicemente un Moto-Mod anacronistico ma divertentissimo.